Points of view

#QUEER – Ora e allora

07.08.2018 | By Mr Whisper

In origine il termine Queer veniva usato quando qualcuno si sentiva strano o non in piena forma. Tuttavia alla fine del 19esimo secolo il termine cominciò ad essere usato in maniera spregiativa per definire le persone attratte dallo stesso sesso. Poi, alla fine degli anni ’80, gli attivisti omosessuali per rappresentare un’identità più ambigua, diversa dall’etichetta gay, hanno reclamato questa parola che venne usata come alternativa al titolo LGBT (Lesbiche, Gay, Transgender o bisessuali).

Negli anni ‘90 essere gay era un tabù. Le persone Queer non venivano trattate alla pari e hanno subito un grande abuso da parte della maggior parte delle persone, principalmente a causa di una mancanza di comprensione e ristrettezza mentale.

Un esempio di questo atteggiamento che ho vissuto in prima persona riguarda il mio migliore amico a scuola e all’università. Tutti noi lo prendevamo costantemente in giro perché aveva manierismi molto strani, ma il fatto che avesse sempre una ragazza ci permetteva di scherzarci su. Fu solo all’università e lontano da Londra e lontano dal nostro ristretto gruppo di amici che si sentì di poter essere veramente se stesso e, come dice la famosa espressione, he came out of the closet. All’inizio è stato uno shock per tutti noi, soprattutto perché avevamo scherzato per così tanti anni e poi ci siamo resi conto di quanto dovesse essere stato opprimente per lui crescere e non essere in grado di ammetterlo, al punto di non potersi esprimere come avrebbe voluto.

Come dicevo prima ai tempi le persone non capivano e purtroppo vedevano l’omosessualità in modo negativo. Il fatto che venisse da una famiglia indiana molto tradizionale gli ha reso ancora più difficile esprimere la sua vera sessualità. Anche le celebrità hanno tenuto il segreto per molti anni conducendo una doppia vita, in modo da non allontanare i loro fan, pop star come Elton John e George Michael.

Per fortuna in questi giorni è considerato molto più accettabile, anche se le persone con una mentalità chiusa esistono sempre. I gay sono in grado di esprimersi apertamente e con orgoglio. Pride è infatti il nome del festival che si svolge ogni anno in molte città in tutto il mondo. Quest’anno il Pride di Londra è stato il 7 luglio e io sono stato invitato a fotografare l’evento.

Conosco due posti a Londra dove la comunità queer è molto aperta riguardo alla loro sessualità: Vauxhall e anche Soho, in particolare Old Compton Street, che è esattamente dove sono andato a scattare le immagini per questo articolo. È una parte molto vivace e colorata della città, che non sembra mai dormire, ci sono bandiere arcobaleno ovunque, e fa sempre da sfondo alla mia street photography.