Style

Diversamente biondi: si chiamano ginger

31.01.2018

Strawberry blonde, il miglior eufemismo per dare grazia ai pel di carota, testa fulva o tizianesca: i vari modi di chiamare uno dei colori di capelli più rari sul pianeta. Ecco, non faremo una gallery di attrici rosse, da Nicole Kidman A Rose Leslie di Games of Thrones, compito facile, nelle donne i boccoli dorati non sono mai stati un modo per identificare persone dall’aspetto brutto.

Quando si tratta di uomini con i capelli rossi, la percezione cambia in tutto il mondo.

Un post condiviso da JOSH MARIO JOHN (@spizoiky) in data:

Capelli rossi e canoni di bellezza

Lentiggini, pelle chiara, molto raramente con gli occhi blu, le persone con i capelli rossi hanno alcuni tratti unici oltre alla loro chioma ben riconoscibile. Se nei primi anni 2000 i fotografi di moda erano soliti cercare la perfezione, nel biondo Leonardo DiCaprio, i visi proporzionati di Leonardo Da Vinci, oggi le regole di bellezza hanno preso un’altra piega.

Bello significa sorprendente, non perfetto.

Cosa c’è di più sorprendente di una testa rossa piena, accompagnata da una folta barba rossa?

Attori con i capelli rossi

Come abbiamo visto per i modelli ‘brawn’ e i modelli diversi come Bice, secondo queste nuove regole di bellezza gli uomini con i capelli rossi non devono più radersi a zero, nascondere la chioma sotto un cappello, ora possono sfoggiare apertamente i loro tratti naturali. Può anche essere che tutto ciò sia stato anche incoraggiato dall’avvento sul grande schermo di uno degli attori più sexy dell’ultimo decennio, Michael Fassbender.

Cliché sui capelli rossi

Non è strano sentire una persona con i capelli rossi dire che appartiene a una ‘minoranza etnica’: ciò che questa persona sta cercando di fare è difendere la categoria da tutti gli stigmi sociali, che qui vogliamo definire con la parola cliché. Ciò che colpisce è che alcuni di questi stigmi sociali potrebbero cambiare da paese a paese, come se i pel di carota britannici fossero meno ‘cattivi’ di quelli di Milano, ma ‘più brutti’, visto che in Italia non c’è mai stata una connessione tra i capelli rossi e la bruttezza – per le donne è addirittura il contrario. Da essere cattivi, impossibilitati a prendere il sole, avere un brutto temperamento, essere nerd, avere un odore diverso e tutta una lunga serie di fantasticherie che abbiamo pensato fossero vere una volta nella vita sull’1% della popolazione mondiale.

Musicalmente rossi

Josh Homme dei Queens of the Stone Age e la pop star globale Ed Sheeran sono solo due delle teste rosse che ci vengono in mente quando pensiamo all’industria musicale: non siamo qui per decretare chi sia più sexy – anche se è innegabilmente ovvio – ma possiamo dirvi questo, uno con i suoi brani rock e trasgressivi, l’altro con uno stile romantico e con i piedi per terra, hanno diffuso la parola ‘ginger’ in tutto il mondo dandole un volto completamente nuovo.

Uomini rossi, belli e talentuosi.