Marco Mazzoni

Points of view project

Artista, Disegnatore, Illustratore. Questo è Marco Mazzoni, in sole 3 parole. Vive a Milano, lavora per il New Yorker. Dal suo punto di vista privilegiato, racconterà la contemporaneità e il futuro prossimo venturo, partendo ogni volta da una semplice #keyword.
Marco Mazzoni è la matita colorata di D360, progetto editoriale fatto di latitudini, storie, culture.
D360: portable speaker, deep subwoofer, panoramic eye.

About me

  • Birthday: 17.01.1982
  • Nationality: Italiano
  • Favoured colour: Blu indaco
  • Motto: if you get tired learn to rest not to quit (Banksy)
  • Dondup favourite fashion item: Cotton sweater
If you get tired learn to rest not to quit (Banksy)

Nasco in una piccola città, vivo a Milano e amo la metropoli che mi ha accolto.

Ho iniziato a disegnare da bambino e non ho ancora smesso. Ho collaborato con il The New Yorker e ho fatto copertine di dischi per i Kashmir (Sony Music), i Miss May I (Sharptone Records), gli A Lot Like Birds (Equal Vision Records) e i Phantasma (Napalm Records). 

Collaboro con Jonathan LeVine Projects (New Jersey) e Thinkspace Projects (Los Angeles) per l’America, Gallery Benoni (Copenhagen), Galleria Patricia Armocida (Milano), Galleria Giovanni Bonelli (Milano) per l’Europa.  I miei lavori sono stati esposti alla 54. International Art Exhibition, Biennale di Venezia, Padiglione Italia, curata da Vittorio Sgarbi, Padiglione Regionale Lombardia, Palazzo Te, Mantova, al Virginia  Museum Of Contemporary Art (US), Honolulu Museum of Art School (US) e alla Fondazione Stelline (Milano).

Ho appena pubblicato un libro per bambini “Mirta And Her Pawsome Friend”, e una raccolta di tutti i miei sketchbook degli ultimi cinque anni.

Amo cucinare piatti che richiedono molto tempo e molta pazienza per la mia futura moglie.

Passo le giornate tra carte, matite colorate e un french bulldog fuori taglia che si dimentica di dormire e vuole essere accarezzato per metà della giornata.

Per ogni viaggio che faccio mi porto a casa almeno una maglietta e una mug.

La musica fa parte del mio mondo, soprattutto quella indipendente italiana.

Sono ossessionato dal tempo: non riesco a lavorare se non con scadenze vicine.