Back & Forth

Coltrane & Col3trane

12.02.2018

Uno è stato il più straordinario sassofonista del pianeta jazz, e dette vita al primo concept album della musica moderna, intitolato A Love Supreme. L’altro è un diciottenne londinese
che utilizza molteplici linguaggi allo stesso tempo, fondendo “bop”, “free” e “rap” a incantevoli melodie

John Coltrane

John Coltrane era un tipo “cool”. Molto “cool”. Più di lui, in ambito jazzistico, solo Miles Davis. John Coltrane ha scritto “A Love Supreme”, e tanto potrebbe, e dovrebbe, bastare. Anche a chi non ascolta o non ama la musica jazz. Perché “A Love Supreme” non è solo musica. Coltrane, abituato a praticare meditazione yoga, nel 1964 sente questa musica mentre è “altrove”, mentalmente. Ritornato “sulla terra”, e convinto del fatto che quei “suoni” gli fossero stati inviati da Dio, come messaggio, si mette al lavoro, componendo una vera e propria opera monumentale. Opera che non si limita al discorso musicale, ma che sconfina nella scelta della fotografia di copertina e nella poesia, interna al disco, titolata anch’essa A Love Supreme. Non a caso, A Love Supreme è considerato uno dei primi veri “concept album” della musica moderna. È un John Coltrane mistico, quello inciso nella traccia che solca il vinile di A Love Supreme. Un John Coltrane fatto Santo dalla African Orthodox Church con il nome di Saint John William Coltrane. A Love Supreme, appunto.

Un post condiviso da Killian Mbappé (@col3trane) in data:

Col3trane

A un ragazzo di soli diciotto anni che decide di chiamarsi col nome d’arte di Col3trane bisognerebbe fare un monumento. Perché Col3trane è sintesi estrema di mondi e tempi in apparenza molto lontani fra loro. Ma anche perché Col3trane è sintesi estrema di mondi e tempi molto vicini fra loro. Il “bop” e il “free jazz”, in qualche modo, portano al “rap”. Così come i look di Coltrane ispirano i look di Col3trane. Così come alfabeti e numeri si miscelano in termini di graffiti che diventano poi calligrafia. In più, Col3trane è proprio bravo. Ha stile. E non sembra minimamente che abbia solo 18 anni di vita. Col3trane, vero nome Cole Basta, origini miscelate, con Egitto e Stati Uniti nelle radici, è nato a Londra.
È artista, musicista e cantante versatile. Basta ascoltare attentamente il suo brano Penelope, e guardarne il video, per capire che il talento di Col3trane sembra non avere confini: né stilistici, né mentali. Anche Penelope di Col3trane, come A Love Supreme di John Coltrane, è opera composta, che suona in “più parti”. La santificazione, in questo caso digitale, del giovanissimo Col3trane, è ben rappresentata dagli oltre 2 milioni di “streams on Spotify” della sua Penelope.