Curiocity

400 anni di storia festeggiati con delle reti da pesca. Una meraviglia sospesa sorprende Madrid

12.03.2018

C’è modo e modo di festeggiare. In Spagna, a Madrid, hanno deciso di farlo coinvolgendo la visionaria creatività di Janet Echelman. E il risultato è stato straordinario: un’opera d’arte, sospesa nel cielo, il cui titolo è 1.78

Tutto comincia in India, guardando attentamente dei pescatori.
Ed esplode, per l’ultima volta, a Febbraio, a Madrid, in Plaza Mayor.
Tèssere tessuti volatili, tèssere tessuti metropolitani
Reti sospese nel cielo, a spiegare e mostrare interconnessioni, interazioni, interruzioni.
1.78, il tempo in microsecondi di cui si è accorciato il nostro giorno, dopo terremoti e tsunami occorsi.
Reti da pescatori, il sapere dell’artigiano, la tecnologia del futuro, la visione dell’artista.
Prendere l’immaginazione sul serio, porta a risultati che riscrivono la storia.
400 anni di Plaza Mayor, a Madrid.
400 anni fatti di corride con tori e roghi della Santa Inquisizione.
400 anni che oggi vedono il popolo accorrere in Piazza per ammirare un’opera d’arte pacifica,
che parla, ondeggiando e illuminandosi, del concetto di tempo e dell’effimero nel permanente.
È una splendida e auspicabile traiettoria di speranza, per l’umanità intera.
Il battito d’ali della farfalla che diventa uragano, la teoria del Caos, i frattali;
la mente che si espande, continuamente, abbattendo stereòtipi, limiti, confini.
Ciò che si muove, smuove.
Incontrare un materiale ordinario, e renderlo straordinario;
fuori scala, fuori contesto, fuori volume.
Scolpire reti da pesca.
Lavorare con il vento come scalpello.
Diventare un “Temporary – Michelangelo”.
Inventare aurore boreali trasportabili e montabili in ogni angolo del mondo.
E lasciare che il pubblico che guarda queste aurore boreali possa interagire con esse,
grazie agli smartphones.
Sculture Interattive, Reti, Link. Co-creative sculptures.
Innovare.
Cambiando la vera essenza degli spazi urbani,
grazie a opere d’arte aeree,
mai uguali a sé stesse,
cangianti,
rilucenti,
notte
e
giorno.