Culture

Serie tv, le migliori cominciate nel 2017

22.06.2017

Il 2017 si è distinto per essere un anno molto florido dal punto di vista delle produzioni di serie televisive, proponendo una serie di titoli interessanti da non perdere.

Drama, crime, fantasy e tutti i generi e le sfumature possibili per poter classificare le serie tv sono stati ampiamente esplorati da produttori e registi per dar vita a creazioni di alto livello che nulla hanno da invidiare alle produzioni per il grande schermo.

Regia, fotografia, budget, cast, effetti speciali e colonna sonora sono tutti elementi fondamentali per realizzare al meglio questi prodotti di qualità, che possiamo tranquillamente fruire dal comodo divano di casa. Se siete degli appassionati di televisione, ecco le migliori serie tv cominciate nel 2017 che non potete perdere!

Big Little Lies – Piccole Grandi Bugie

Da non perdere è la miniserie Hbo Big Little Lies,il cui punto di forza è indubbiamente il cast femminile: Nicole Kidman, Shailene Woodley e Reese Withersppon. La produzione è affidata a David E. Kelley e la regia al bravo Jean-Marc Vallée di Dallas Buyers Club. La storia delle protagoniste, amiche e madri alle prese con questioni personali, problemi relazionali e difficoltà quotidiane, si sviluppa in sette episodi, durante i quali la vita delle donne viene scossa da un terribile omicidio avvenuto durante una festa scolastica di beneficenza. Le interpretazioni intense e realistiche del grandissimo cast (maschile e femminile) e la colonna sonora estremamente coinvolgente, che va dai classici del soul ai brani ’R&B e all’intramontabile repertorio classic rock, rendono questa serie un piccolo gioiello da gustare puntata dopo puntata.

Stranger Things

La serie televisiva di fantascienza Stranger Things  è una produzione statunitense per la piattaforma di streaming Netflix ideata da Matt e Ross Duffer . Si tratta di una serie ambientata negli anni ’80 in una fittizia cittadina dell’Indiana, incentrata sugli eventi che si legano alla misteriosa sparizione di un bambino e all’apparizione di una ragazza con poteri telecinetici, scappata da un laboratorio. Accolta positivamente dalla critica, Stranger Things è stata apprezzata in particolare per la forte caratterizzazione dei personaggi, l’intero cast e l’atmosfera ricreata negli episodi in grado di omaggiare al meglio il cinema di fantascienza degli anni Ottanta.

Legion

La serie tv Legion è stata una delle più attese dell’anno ed è dedicata al mondo degli X-Men. Non aspettatevi, però, i soliti mutanti che hanno caratterizzato la saga! Si tratta di una serie che ha stupito e ipnotizzato gli spettatori, tratta dalla storia originale Marvel e dalle vicende rivisitate del mutante che dà il titolo alla serie, Legione. Nell’adattamento tv, infatti, il protagonista è cresciuto tra vari ospedali psichiatrici per un disturbo della personalità: ne assume più di 200 e ognuna di esse gli conferisce un potere diverso. L’interpretazione di Dan Stevens è impeccabile, così perfetto nel ruolo del ragazzo insicuro, vittima di ossessioni e pieno di tic nervosi. Ma il merito più grande va a Noah Hawley, già creatore della serie tv Fargo, che riscrivere il genere dei supereroi sul piccolo schermo attraverso un personaggio insolito e dark, senza però ricorrere al solito repertorio degli X-Men già visto.

Suburra

Tra le serie tv più attese del 2017 ce n’è una italiana che merita la dovuta attenzione: Suburra. Si tratta della prima serie italiana prodotta da Netflix, insieme a Cattleya e Rai Fiction, un crime thriller diretto da Michele Placido e interpretato, tra gli altri, da Alessandro Borghi, Filippo Nigro e Claudia Gerini. Nell’adattamento televisivo dell’omonimo film di Stefano Sollima del 2015 si assiste agli intrecci tra politica corrotta, curia coinvolta in loschi affari e criminalità romana, risultando una sorta di prequel del film ambientato diversi anni prima.

Taboo

Taboo è una serie televisiva britannica ideata da Steven Knight, Tom Hardy e da suo padre Chips Hardy, che ha debuttato il 21 aprile 2017 su Sky Atlantic. La storia è ambientata nel 1814, quando l’avventuriero James Keziah Delaney torna a Londra dopo aver trascorso molti anni in Africa. Dopo i funerali del padre, deceduto in circostanze misteriose, James eredita l’intero patrimonio paterno, compresa l’isola di Nootka, sulla costa occidentale degli Stati uniti, la cui posizione strategica darebbe la possibilità di commerciare comodamente con l’Oriente attraverso l’Oceano Pacifico. Il misterioso passato del padre, i suoi demoni, la potente Compagnia delle Indie Orientali e il governo inglese saranno alcuni degli ostacoli che il protagonista, determinato ad ottenere il pieno controllo dell’isola, dovrà fronteggiare con qualunque mezzo.