© Museo delle relazioni finite - Mare Milin
Travel

I 7 musei più strani del mondo

15.08.2017

Non tutti amano trascorrere ore e ore chiusi in un museo ad ammirare antichi reperti archeologici, quadri astratti o manufatti di popoli lontani. Il discorso, però, cambia se si parla dei musei più strani del mondo: in questo caso una visita può essere sicuramente divertente, oltre che interessante! Praticamente ogni Paese può vantare una collezione strana, bizzarra e, a volte, quasi inquietante: vediamo quali sono i musei più insoliti del mondo da visitare assolutamente se vi trovate nei paraggi!

Il museo delle relazioni finite - Zagabria (Croazia)

Questo museo è in continua espansione, oltre che essere unico al mondo: la collezione che custodisce, infatti, è donata pezzo per pezzo dai visitatori stessi. Ogni oggetto in mostra è legato ad una relazione finita ed è accompagnato da una descrizione, ironica o triste, che racconta brevemente la sua storia. Chiunque può donare qualcosa che gli appartiene e che rappresenta il simbolo di un amore finito male.

Momofuku Ando Instant Ramen Museum – Osaka (Giappone)

I ramen, chiamati anche noodles, hanno ormai invaso tutto il mondo e sono molti gli estimatori di questi spaghettini giapponesi. Non tutti però sanno che la loro versione istantanea, che si vende praticamente in ogni supermercato, è stata inventata da Momofuku Ando, che gli ha addirittura dedicato un museo a Osaka. Non solo apprenderete ogni aspetto della storia e della preparazione dei ramen istantanei, ma potrete anche scegliere i vostri ingredienti preferiti e creare una zuppa personalizzata.

Un post condiviso da May Young (@youngmeh94) in data:

Un post condiviso da Ian Gordon (@ianfrasergordon) in data:

Museo del gelato – Bologna (Italia)

Anche in Italia c’è un museo da leccarsi i baffi. Si tratta del Museo del gelato, che si trova a pochi chilometri da Bologna e che farà la felicità di tutti gli amanti di questo cibo. Un percorso interattivo illustra la storia del gelato e l’evoluzione della sua tecnologia produttiva, oltre a mostrare tutti i modi di consumarlo. Ovviamente non potevano mancare laboratori e degustazioni!

Sulabh International Toilet Museum – New Delhi (India)

In uno dei Paesi più spirituali del mondo, l’India, un po’ a sorpresa troviamo un intero museo dedicato ai gabinetti. Da eleganti tazze in legno dei tempi più antichi ai ritrovati più moderni, questo insolito museo raccoglie tantissimi wc provenienti da ogni parte del mondo e da ogni epoca. Nonostante la stranezza della sua raccolta, l’intento di questo museo è molto serio: a fondarlo è infatti Sulabh International, un’associazione no profit molto attiva nel campo dei diritti umani e dell’igiene, che in questo modo cerca di sensibilizzare i visitatori sul problema della sanità in zone densamente popolate come, appunto, l’India.

Un post condiviso da Greg Schuler (@3030vision) in data:

Un post condiviso da Vesa Bunjaku (@bvnjakv) in data:

Museo delle cose inutili e delle idee sbagliate - Herrnbaumgarten (Austria)

Tra i musei più strani del mondo c’è anche questo, e qui è impossibile annoiarsi! Nel 1984 due amici hanno deciso di realizzare questo museo che si trova ad una settantina di chilometri da Vienna: ogni anno un migliaio circa di visitatori vi giunge per ammirare la mascherina nera per rendersi anonimi, un dito meccanico per grattarsi il naso e tante altre invenzioni “straordinarie”.

Museo del carro funebre – Barcelona (Spagna)

Ebbene sì, c’è anche questo: il museo del carro funebre. L’idea può apparire un pochino macabra, ma in realtà il museo è molto interessante; qui sono raccolti carri funebri di tante epoche diverse e di tanti tipi, a seconda del tipo di sepoltura per cui erano utilizzati.

Un post condiviso da victorgascon (@endjvictor) in data:

Museo dei capelli – Avanos (Turchia)

Pare che questo museo abbia origina da una ciocca di capelli donata al fondatore da una sua cara amica. Ora le ciocche di capelli qui conservate sono migliaia – si dice addirittura 16mila – e ricoprono interamente le pareti di tutte le stanze del laboratorio di Galip Körükçü, di professione ceramista. Ogni ciocca esposta in questo particolarissimo museo è accuratamente schedata a riporta il nome della donatrice, foto e annotazioni.